Il reintegro delle perdite idriche rappresenta, insieme all’adeguato rifornimento glucidico, il più importante fattore nutrizionale in grado di influire sulla prestazione sportiva. L’acqua é il componente principale del corpo umano e rappresenta per esso un nutriente essenziale.

Nel corpo umano l’acqua ha una distribuzione che conivolge quasi tutti i compartimenti, anche se la percentuale maggiore si trova all’interno delle cellule (ICW  = acqua intracellulare, circa il 60 % dell’acqua corporea), mentre il restante 40 % è all’esterno delle cellule (ECW = acqua extracellulare). Nel caso di una intensa attività fisica e di una pratica sportiva regolare, la quota di acqua che viene persa può raggiungere valori rilevanti e compromettere sia il risultato sportivo che lo stato di salute dell’atleta.

In atleti agonisti e in discipline quali il ciclismo su strada, sci di fondo, maratona, triathlon, canottaggio, ecc.) si possono verificare variazioni considerevoli del peso, fino anche di 5-6 Kg, in grandissima parte rappresentati dall’acqua persa con la sudorazione.
Si ritiene che la massima sudorazione possibile sia pari a circa 30 ml/minuto (1800 ml) ogni ora di lavoro muscolare.

Una carenza di acqua è mal tollerata dall’organismo, la capacità di prestazione atletica si riduce proporzionalmente al grado di disidratazione del nostro organismo.

Attraverso un esame della composizione corporea tricompartimentale con analisi approfondita dei fluidi Intra, Extracellulari e del Fluid Graph è possibile valutare e monitorare lo stato di idratazione dell’atleta.

bia-dex-sfumato-1    bcm_graph

mascaretti srl facilities – composizionecorporea.com

 

Torna alla lista articoli

Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi