Analizzatore Impedimed SFB7 – Spettroscopia ad impedenza

Analisi della composizione corporea con spettroscopia a bioimpedenza BIS di ultima generazione.
Più accuratezza e precisione

 

L’analizzatore Impedimed SFB7 rappresenta lo stato dell’arte dell’analisi impedenziometrica tramite spettroscopia. Tale tecnologia fino ad ora impiegata quasi esclusivamente per ricerca scientifica è ora disponibile al professionista per essere utilizzata nella ruotine ambulatoriale.

 

SFB7   SFB7_SPORT

.

Imp™ SFB7 è un dispositivo per spettroscopia a bioimpedenza (BIS) tetrapolare a canale singolo che esegue la scansione di 256 frequenze tra 4 kHz e 1000 kHz. Il dispositivo utilizza il modello di Cole-Cole associato al modello Hanai Mixture per determinare acqua corporea totale (TBW), fluido extracellulare (ECF) e fluido intracellulare (ICF) dai dati di impedenza.
Successivamente il dispositivo calcola massa priva di grassi (FFM) e massa grassa (FM). Il software di supporto (fornito) può eseguire ulteriori analisi dei dati, pertanto non sono necessarie equazioni (algoritmi) predittive specifiche per la popolazione.

ImpediMed è stat la prima azienda a livello mondiale a realizzare già dagli anni 90 dispositivi di spettroscopia ad bioimpedenza (BIS).
Gli studi hanno dimostrato che con la tecnologia brevettata BIS di ImpediMed, gli operatori sanitari sono in grado di valutare i fluidi corporei attraverso un’analisi spettroscopica dell’impedenza clinicamente testata tramite la rilevazione dei valori bioelettrici a 256 punti diversi su un intero spettro di frequenze che vanno da 3 kHz a 1000 kHz, consentendo misurazioni precise ed analisi accurate di ECF fluido extracellulare, ICF fluido intracellulare e tbw acqua corporea totale.

La metodica BIS si basa sulla determinazione della resistenza R a frequenza zero (R0) e della Resistenza a frequenza infinito (Rinf) che viene quindi utilizzata per misurare Fluidi extracellulari ECF  e  Acqua Totale TBW rispettivamente.
Tale metodica a differenza delle altre consente attraverso il modello di Cole-Cole di misurare direttamente la distribuzione dei fluidi Intra (ICF) ed Extracellulari (ECF).   Il principio si basa sul concetto che a basse frequenze la micro corrente attraversa prevalentemente gli spazi extracellulari mentre a frequenze elevate attraversa gli spazi intra ed extracellulari. Ciò consente di ottenere letture dirette più accurate dei volumi Intra ed Extracellulari (ICF e ECF).

SFB7_CELL_2Le cellule e fluidi cellulari
Ogni cellula del corpo è circondata da una membrana cellulare di materiale lipidico che isola la cellula. Le cellule contengono fluido intracellulare, ICF abbreviato (denominato anche ICW per l’acqua intracellulare). Le cellule sono circondate da fluido extracellulare ECF (chiamato anche ECW).

La corrente elettrica può attraversare i fluidi intra ed extracellulari, mentre la membrana cellulare è elettricamente isolata. La metodica della spettroscopia ad impedenza (BIS) è quella di misurare i valori bioelettrici di Resistenza R e Reattanza Xc del tessuto ad ogni frequenza.

 

FREQUENZECorrenti con bassissima o altissima frequenza
Una corrente a bassissima frequenza si comporta come una corrente diretta:
La membrana cellulare essendo elettricamente isolata significa che nessuna corrente può raggiungere l’interno delle cellule.
Così a bassissima frequenza la corrente attraversa solo i Fluidi extracellulari.

A frequenze superiori a 0, la membrana cellulare funziona come un condensatore.
Ciò significa che ad altissima frequenza la corrente può attraversare le membrane cellulari quasi senza ostacoli. La corrente non deve propagarsi intorno alle cellule, ma può prendere una scorciatoia attraverso i Fluidi intracellulari.  Resistenza a frequenza infinita si chiama R ∞.

Pertanto per generare analisi sulla composizione corporea, la spettroscopia BIS a differenza della BIA a singola frequenza è indipendente da modelli derivati statisticamente e/o equazioni predittive specifiche per popolazione.

.

.

SFB7_BC_2  SFB7_SOFT_1   SFB7_REP_1

.

I grafici visualizzati sul display presentano i dati misurati sotto forma di tracciato Cole-Cole, Resistenza vs Frequenza e Reattanza vs Frequenza. Viene inoltre determinata la frequenza caratteristica per il soggetto nonché la capacità totale della membrana cellulare.

Caratteristiche principali:

– Stime non basate su equazioni di previsione derivate dalla popolazione
– Il corpo viene scansionato in base ad una gamma di 256 frequenze (da 3 a 1000 Khz)
– Modellazione biofisica utilizzata per derivare ECF e ICF
– Sensibile nel rilevare i cambiamenti nel bilancio dei liquidi
– È possibile utilizzare dati di impedenza grezzi (resistenza e reattanza) indipendentemente dalle ipotesi di modello

.

SFB7_2

Imp™ SFB7
Spettroscopia a bioimpedenza – 256 frequenze discrete
Canale singolo – configurazione tetrapolare
Portatile – computer sull’unità
Schermo tattile
Generazione dati a basso rumore – nessun effetto gancio ad alta frequenza
Analisi della composizione corporea di grande precisione
Letture in meno di 1 secondo
Opzioni avanzate – coefficiente di idratazione definibile dall’utente
Accesso completo e comunicazione di tutti i dati grezzi
Fornito di valigetta, elettrodi, clip, cavi e software su CD-ROM

 

Specifiche Imp™ SFB7 (modalità BIS)
Frequenza: Da 4 a 1000 kHz
Numero di frequenze: 256
Intervallo di impedenza: 10 – 1100
Accuratezza di impedenza: +/- 1,0% da 50 a 1100
Intervallo di fase: da -90 a +90
Risoluzione di fase: 0,1
Portabilità: Computer sull’unità
Durata della misurazione: Meno di 1 secondo
Software: Software di analisi fornito (compatibile con windows®)
Trasferimento dati: Ethernet o infrarossi

Dimensioni
Lung. = 190 mm, Larg. = 130 mm
P. = 110 mm – Peso 1 kg
Display: 1/4 VGA, 320 x 240 pixel, LCD

Dati misurati visualizzati:
Diagramma Cole-Cole (resistenza vs reattanza), frequenza vs resistenza, frequenza vs reattanza, frequenza caratteristica, capacitanza media della membrana cellulare

Dati calcolati visualizzati
Massa priva di grassi (FFM), massa grassa (FM), acqua corporea totale (TBW), fluido intracellulare (ICF), fluido extracellulare (ECF)

Requisiti di alimentazione:Batteria interna ricaricabile agli ioni di litio
Cavi degli elettrodi:Cavo schermato di 1,5 m di lunghezza
Modalità di misurazione:Tetrapolare
Accessibilità dei dati:Pieno accesso ai dati grezzi

Applicazioni:
Le misurazioni dirette di ECF, Angolo di fase, FFM, TBW e ICF consentono applicazioni specifiche per:
Medicina e dietologia
Medicina dello Sport
Cardiologia
Nefrologia
Oncologia

.


.

1Cornish BH, Chapman M, Hirst C, Mirolo BR, Bunce IH, Ward LC, THomas BJ. Early Diagnosis of Lymphedema Using Multiple Frequency Biompedance. Lymphology 34, 2-11, 200.

2Lawenda, B.D., T.E. Mondry, and P.A. Johnstone, Lymphedema: a primer on the identification and management of a chronic condition in oncologic treatment. CA Cancer J Clin, 2009. 59(1): p. 8-24.

3Supportive, P.D.Q. and B. Palliative Care Editorial, Lymphedema (PDQ(R)): Health Professional Version, in PDQ Cancer Information Summaries. 2015, National Cancer Institute (US): Bethesda (MD).

4SEER – Surveillance, E., and End Results Program (www.seer.cancer.gov) Cancer Stat Facts: Female Breast Cancer. SEER Cancer Statistics Review, 1975-2014, 2016.

5Shah, C. and F.A. Vicini, Breast cancer-related arm lymphedema: incidence rates, diagnostic techniques, optimal management and risk reduction strategies. Int J Radiat Oncol Biol Phys, 2011. 81(4): p. 907-14.

6Langbecker, D., et al., Treatment for upper-limb and lower-limb lymphedema by professionals specializing in lymphedema care. Eur J Cancer Care (Engl), 2008.

7Voss, R.K., et al., The long-term risk of upper-extremity lymphedema is two-fold higher in breast cancer patients than in melanoma patients. J Surg Oncol, 2015. 112(8): p. 834-40.

8Herd-Smith, A., et al., Prognostic factors for lymphedema after primary treatment of breast carcinoma. Cancer, 2001. 92(7): p. 1783-7.

9Mortimer, P.S., et al., The prevalence of arm oedema following treatment for breast cancer. Q J Med, 1996. 89(5): p. 377-380.

10Soran, A., et al., The importance of detection of subclinical lymphedema for the prevention of breast cancer-related clinical lymphedema after axillary lymph node dissection; a prospective observational study. Lymphat Res Biol, 2014. 12(4): p. 289-94.

 

Share This