Il ritorno alle basi:

Con il crescente numero di App a disposizione sul controllo del peso, la ricerca del benessere, la programmazione del fitness, etc., che consentono di misurare svariati parametri, il paziente può perdere di vista ciò che è veramente importante come ad esempio analisi e monitoraggi accurati della BCM massa cellulare/muscolare, stato di idratazione e grasso corporeo ( in particolare il monitoraggio della BCM riveste un ruolo fondamentale con l’avanzare dell’età ).
E’ indubbio che un buon piano nutrizionale abbinato ad un programma di allenamento basato sulla forza e resistenza aiuti a mantenere o aumentare la massa muscolare, tuttavia parallelamente è necessario valutare se tale intervento sta effettivamente producendo i risultati auspicati di cui il paziente necessita.
Per verificare ciò, è necessario utilizzare un dispositivo per la valutazione della composizione corporea che sia professionale ed abbia determinate caratteristiche (attualmente il mercato offre così tanti strumenti da rendere spesso difficoltosa la scelta).

Come scegliere il giusto dispositivo?

L’analisi dell’impedenza bioelettrica, nota anche come BIA, è la tecnologia applicata nella maggior parte degli analizzatori di grasso corporeo, siano essi bilance impedenziometriche o dispositivi con elettrodi. Questo significa che un segnale o una corrente molto debole attraversa l’organismo e in funzione delle diverse resistività dei tessuti rileva dei valori bioelettrici.  Ma quali?

– Un’Impedenza Z ?  A quale frequenza ? → Semplice Impedenziometro
– Oppure: Resistenza, Reattanza, Angolo di Fase alla frequenza di 50 Khz ? → Analizzatore di Impedenza
Stimano Massa grassa o grasso viscerale? Sono del tipo a bilancia o ad elettrodi?

Gli analizzatori professionali non misurano semplicemente l’Impedenza ma analizzano l’impedenza Z I valori di Resistenza, Reattanza e Angolo di fase vengono visualizzati direttamente nel display del dispositivo BIA – saranno necessari per determinare poi le stime dei vari compartimenti.

La maggior parte dei dispositivi in commercio non forniscono nessun accesso ai valori bioelettrici misurati e utilizzati per l’analisi.

 

            

 

Dietro il termine “impedenziometro” spesso vengono classificati tutti gli strumenti che attraverso le bioimpedenze sono in grado di effettuare un’analisi della composizione corporea e quindi di stimare i vari compartimenti interni quali: Massa Grassa, Massa Magra, Acqua Totale etc.. Generalmente però si tratta di strumentazioni non sempre professionali e che seguono la scia e il business del momento.

Alcune considerazioni:

BIA e Massa grassa
Il grasso è un isolante, cioè un cattivo conduttore, poiché contiene meno fluido ed elettroliti pertanto tende ad ostacolare l passaggio della corrente. A prescindere dalla tipologia di grasso generalmente si rileveranno i medesimi valori Ω di Resistenza. Ricordiamo che il grasso è grasso quindi come non è possibile distinguere con la BIA differenze fra grasso bruno e grasso chiaro altrettanto difficoltoso sarà discriminare il grasso viscerale dal grasso sottocutaneo.

BIA: bilance vs elettrodi
L’accuratezza delle misurazioni della BIA dipende anche dalla resistenza e dalla conducibilità della cute. Quando viene utilizzata una micro corrente per misurare l’intero corpo, lo spessore e la conducibilità della pelle nonchè la connessione con gli elettrodi diventano estremamente importanti.
Quindi, se pensiamo ad esempio alle bilance, lo spessore della cute delle piante dei piedi e dei palmi delle mani è molto differente rispetto a quello più sottile della parte superiore delle mani e dei piedi, utilizzata per posizionare gli elettrodi. Inoltre quando si effettua una misurazione BIA, la sudorazione/secchezza delle piante/palmi possono influenzare la propagazione della corrente elettrica.

Postura e posizione del paziente
Le linee guida standard per la valutazione BIA specificano che i soggetti debbano collocarsi in posizione supina per alcuni minuti prima della valutazione favorendo presumibilmente la stabilizzazione dei sottocompartimenti idrici.  Questa raccomandazione appare in molti studi scientifici (vedi ad esempio National Institutes of Health del 1994).
In posizione ortostatica eretta le forze gravitazionali  tendono a sequestrare fluidi extracellulari nei vasi interstiziali degli arti inferiori distali (Robert F Kushner, Rani Gudivaka, and Dale A Schoeller) causando una possibile alterazione delle relative stime sui fluidi corporei.
La postura assunta dal soggetto è fondamentale per la rilevazione del dato impedenziometrico. Il soggetto si posiziona supino su una superficie piana non conduttiva. Gli arti sono divaricati di 30-45º per evitare cortocircuitazioni della corrente prodotte dal contatto tra gli arti inferiori o tra gli arti superiori ed il tronco (Lukaski et al., 1985).

Tipologia di dispositivo utilizzato
I dispositivi professionali quali BIA-Dex, Bodystat, Impedimed utilizzano un sistema di posizionamento di elettrodi adesivi specifici per rilevazioni impedenziomentriche che vanno posti sulla mano e sul piede. Tale metodica consente una migliore distribuzione della corrente offrendo valori diretti di Resistenza, reattanza e Fase altamente affidabili e ripetibili. Tipologia di dispositivi impedenziometrici non professionali o che richiedono metodiche di posizionamento del paziente e postura alternative possono rilevare valori bioelettrici di Impendenza molto differenti tra loro (± 21ΩW su Massa magra,  massa grassa etc) Kyle et al, Deurenberg et al.

Utilizzando analizzatori di impedenza è  possibile stimare la Massa Cellulare BCM,  il  contenuto di Acqua Totale TBW e la relativa distribuzione intra-extra cellulare.

In caso contrario se il dispositivo non è in grado di misurare direttamente le due  componenti resistiva e capacitiva (Rz e Xc)  dell’impedenza si può incorrere ad errori di stima dei vari compartimenti poiché i valori  bioelettrici  legati  ai fluidi vengono accumunati erroneamente a quelli legati alle membrane cellulari e quindi alla massa cellulare.

Da anni la nostra società è impegnata nel fare chiarezza sull’argomento.
Esiste una notevole differenza di tecnologia e di risultati ottenuti tra un semplice “impedenziometro” ed un “analizzatore di impedenza”.

Investiamo e dedichiamo molto tempo nella ricerca. Questo ci consente di offrire ai nostri clienti che fanno uso di tale tecnologia una formazione all’uso sempre migliore nonche risultati più accurati possibile. Da oltre 30 anni proponiamo al professionista le tecnologie più valide ed aggiornate con il miglior rapporto qualità/prezzo.

 

diapositive-bc
mascaretti srl facilities – composizione corporea

Torna alla lista articoli

mascaretti srl – tecnologie medicali – Via Mamiani 24-26 – 60125 Ancona – Tel. 071.2071338 – Fax 071.2071345
Info@mascaretti.it   analisibia.it

Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi